Perché pulire le foglie delle nostre piante

Impariamo come aiutare le nostre piante ad assorbire meglio la luce. Scopri come pulire le loro foglie e restituirgli la brillantezza naturale.

La polvere accumulata rende più difficoltose le attività vitali delle piante come la fotosintesi, la traspirazione e l’assorbimento dell’umidità. L’accumulo di polvere aumenta la prolificazione di batteri, muffe e insetti, che si nutrono dei componenti organici depositati sulle foglie. 
È buona abitudine pulire periodicamente le foglie, perché potremo così monitorare lo stato di salute delle nostre piante più da vicino. Sarà più facile individuare eventuali parassiti e malattie, evitando così che danneggino le nostre amiche.

Attrezzi per pulire le foglie

Prima di iniziare, procuratevi tutti gli attrezzi per pulire le foglie in modo da procedere in maniera organizzata e ordinata. Avrete sicuramente tutto il necessario per l’operazione ma nel caso vogliate scoprire dei prodotti più specifici o particolari, troverete alcuni suggerimenti di seguito. 

Vi serviranno:

  • Acqua
  • Panno 
  • Pennello
  • Nebulizzatore
Che tipologia di acqua posso usare?

Possiamo usare tranquillamente l’acqua del rubinetto. Per evitare shock termici, prima dell’uso, meglio portarla a temperatura ambiente. Alcune piante, potrebbero essere sensibili ai disinfettanti o altre sostanze disciolti nelle nostre acque (come calcio, cloro, etc..). Per farli evaporare, lasciamo riposare l’acqua 24 ore in un contenitore aperto.

Per una pulizia ottimale invece, utilizzate acqua distillata o piovana, con PH più neutri e meno aggressivi. In città è un’operazione non particolarmente semplice e spesso l’acqua piovana non risulta così neutra, ma potrete usare quella ottenuta dai deumidificatori o condizionatori.

Devo usare un panno particolare?

Le foglie possono essere fragili e delicate, non siate troppo vigorosi nella pulizia. Potrete utilizzare un panno morbido in fibre naturali (come il cotone) o in microfibra. Accertatevi che sia pulito per evitare di rilasciare sostanze potenzialmente nocive sulla superficie delle foglie. In commercio vi sono curiosi utensili dedicati.

SPAZZOLA PULISCIFOGLIE

Realizzata in plastica, e in spugna morbida. Il suo design aiuta a pulire completamente i due lati delle foglie.

Perché dovrei usare un pennello per pulire le foglie?

Alcune foglie sono piccole o particolarmente delicate e l’uso di un panno potrebbe essere troppo invasivo. Con un panno non sempre riuscirete ad arrivare dove si annida la polvere, sopratutto se le foglie sono rugose o hanno della peluria superficiale. Nella pulizia delle piante grasse, il panno rischia di impigliarsi tra le spine e c’è anche il rischio di pungersi.

Vi consigliamo quindi di usare un pennello a setole morbide o se non ne possedete uno, utilizzate un cotton fioc. Per quanto riguarda la forma delle setole, potrete trovare in commercio quello che più è adatto alle caratteristiche delle foglie da trattare, l’importante è che le setole siano molto morbide.

PENNELLO CON SETOLE EXTRA MORBIDE

Adatto alla pulizia delle foglie anche se è normalmente usato per gli obiettivi delle fotocamere. Ha una custodia su misura.

Sono tutti uguali i nebulizzatori?

Un nebulizzatore rende l’operazione più semplice e immediata. Vi sono tantissime tipologie di nebulizzatori in commercio. Potrete scegliere quello più adatto a voi per forma, comodità o prezzo. Prendete in considerazione anche il riutilizzo di un contenitore vuoto per detergenti, ma fate attenzione a ripulirlo bene, evitando di irrorare sostanze chimiche concentrate direttamente sulle foglie. 

Nel caso vorrete acquistare un nebulizzatore nuovo, vi consigliamo di fare particolare attenzione all’impugnatura e sopratutto ai movimenti della maniglia. Infatti non scordatevi che se possedete numerose piante, dovrete stringere la maniglia molte volte in un tempo ravvicinato. Se questa non dovesse tornare rapidamente nella sua posizione originaria, l’operazione potrebbe diventare noiosa e faticosa! 🙂

Vi consigliamo inoltre un nebulizzatore con serbatoio trasparente o semitrasparente, meglio se di colorazione neutra o bianca, in modo da capire il livello dell’acqua ed evitare possibili formazioni di alghe. 

NEbulizzatore capovolgibile

Permette di spruzzare a 360 °, è utilizzabile anche a rovescio, con uno spruzzo continuo.

Come pulire le foglie

Iniziamo creandoci uno spazio attorno alla pianta o riponiamola su un tavolo che avremmo precedentemente ricoperto con un telo da lavoro. Procuriamoci tutti gli attrezzi per l’operazione. Ricordiamoci di pulire con più cura le superfici superiori, in genere più lucide, non scordandoci di ispezionare le superfici inferiori, dove si possono annidare dei parassiti. Cercate di essere delicati nel maneggiare il fogliame, per non rovinare la chioma della pianta, sopratutto se questa ha delle foglie molto piccole. Se le foglie sono piccole, rugose, hanno peluria o spine, puoi utilizzare un piccolo pennello come descritto sopra. 

Ecco come procedere con le operazioni di pulizia delle foglie.

  1. Osservare attentamente sopra e sotto la foglia che vogliamo pulire, maneggiandola con cura.
  2. Inumidire il panno con il nebulizzatore o spruzzare l’acqua direttamente sull’area che vorremmo trattare (consigliabile per foglie rugose o piante grasse).
  3. Mettere una mano sotto la foglia scelta, se la pianta non ha spine.
  4. Passare con l’altra il panno inumidito (o il pennello) su tutta la superficie da trattare rimuovendo la polvere o lo sporco.
  5. Ripetere l’operazione su ogni foglia. 

Aggiungi del latte all’acqua,
le foglie diventeranno più lucenti!

Come devo pulire le piante con molta polvere?

Se le tue piante hanno foglie opache o sono molto impolverate, possiamo ricreare un effetto “pioggia” per pulire la pianta nella sua interezza. Potremmo disporre la pianta nel nostro box doccia o nella vasca. E’ un’operazione che può “tenere occupato” il bagno per qualche ora, quindi organizzatevi bene! Compiendo l’operazione contemporaneamente per tutte le piante del vostro appartamento, ottimizzerete sia i tempi che le operazioni di riordino e pulizia. 

  1. Procedete con una pianta alla volta, posizionandola in un’area centrale del piatto doccia o della vasca, in modo da essere più comodi nel compiere l’operazione. Iniziate dalle piante più alte e voluminose. 
  2. Bagnate le foglie con il doccino ruotando il vaso per arrivare meglio anche nei punti più nascosti. Spostate poi il vaso in una zona più periferica sempre all’interno della doccia o vasca e procedete con la pianta successiva. 
  3. Lasciate quindi che vaso e fogliame si asciughino naturalmente. Se avete fretta potete togliere l’acqua in eccesso con un panno morbido ma potrebbe essere un’operazione lunga e complessa.

Spesso sottovalutiamo l’importanza di quest’operazione che, oltre a eliminare la polvere accumulata, ci permette di donare maggior comfort alle nostre piante e di monitorarne lo stato di salute da molto vicino. Buona pulizia!


Oggetti curiosi per pulire le foglie

Abbiamo selezionato 5 oggetti che potrebbero aiutarti a toglie la polvere dalle foglie delle tue piante in una maniera più comoda, simpatica o stilosa! 

Ecco qui i prodotti che puoi trovare comodamente su Amazon.


1

SPAZZOLA puliscifoglie

Realizzata in plastica, e in spugna morbida. Il suo design promette di pulire completamente i due lati delle foglie in un solo movimento.


2

Pennello con setole extra morbide

Adatto alla pulizia delle foglie anche se è normalmente usato per gli obiettivi delle fotocamere. Ha una custodia su misura.


3

NEBULIZZATORE sottosopra

Permette di spruzzare a 360 °, è utilizzabile anche a rovescio, con uno spruzzo continuo.


4

NEBULIZZATORE 2 IN 1

Soluzione perfetta per le vostre piante d’appartamento. Puoi annaffiare il terreno e spruzzare fogliame senza dover cambiare utensile. Ha capienza di circa 1 litro.


5

NEBULIZZATORE VINTAGE

Finitura lucidata a specchio. Design minimalista in ottone giallo con stile retrò. Nebulizzazione sottile. Può diventare un elemento d’arredo di grande valore.